facebooktwitteryoutube
in Lavoro - 07 Mar, 2016
by Frangenti Culturali - no comments
Come Lavorare in Australia

L’Australia è caratterizzata da una società multiculturale con una popolazione della quale circa il 22% è nata all’estero: è proprio grazie a coloro che vi si sono stabiliti che questo paese ha raggiunto un importante cambiamento, in quanto gli stessi emigranti hanno dato e continueranno a dare un contributo significativo all’economia e allo stile di vita australiano. Oggi, l’Australia è considerata come una delle economie più in crescita in tutto il mondo. Di conseguenza, essa sta diventando meta di molti italiani che decidono di lasciare l’Italia in cerca di fortuna o semplicemente di un lavoro. Un fattore che alimenta questo fenomeno è sicuramente il fatto che l’Australia gode di un clima temperato e di bei paesaggi, e secondo studi recenti, le città australiane sono quelle con la miglior qualità della vita al mondo.

Che tipo di lavoro si può fare

Per rispondere a queste domande è prima di tutto importante chiarire che in Australia il tasso di disoccupazione è molto basso in quanto il paese è altamente turistico. Ciò significa che per lavorare vi sono diverse opportunità nel settore della ristorazione e del divertimento, e non mancano opportunità in diversi campi come nei bar e locali oppure presso aziende agricole, come braccianti e raccoglitori di frutta e verdura. Il consiglio è quello di iniziare a cercare lavoro all’Italia o rivolgersi a una delle agenzie di collocamento. Prima della partenza è necessario controllare i siti web più popolari nella ricerca del lavoro in Australia.

In ogni caso è importante preparare un curriculum e una lettera di presentazione in inglese. Per il curriculum è possibile fare riferimento a questo modello mentre per la cover letter è possibile utilizzare questo modello presente su Letteradipresentazione.net.

Il problema del visto

Il Working Holiday Visa o visto turistico lavorativo permette di lavorare in Australia con lo scopo di mantenersi il proprio viaggio. L’obiettivo è quello di incoraggiare il turismo e lo scambio culturale tra i diversi paesi facenti parte del progetto. Possono richiederlo solo viaggiatori di età compresa tra i 18 e i 31 anni non ancora compiuti;

Restrizioni e aspetti da considerare legati al working holiday visa

Consente di rimanere in Australia per massimo 1 anno

Si può lavorare per un periodo massimo di 6 mesi con lo stesso datore di lavoro

Vi è la possibilità di studiare fino a 4 mesi

Si può entrare e uscire dall’Australia quando si vuole

Il Visto permanente invece si può ottenere solo in caso particolari, in genere solo nel caso di giovani altamente qualificati che abbiano i requisiti per ottenere un lavoro a tempo indeterminato. Per ottenere questo visto è necessario venir sponsorizzati da un datore di lavoro che quindi si presume abbia avuto l’occasione di valutare le capacità lavorative di un giovane. Un’altra modalità valida per ottenere un visto permanente  consiste nel richiedere il General Skilled Migration (GSM),  ma in questo caso è necessario avere ottime qualifiche, certificazioni di inglese come l’IELTS e un’esperienza lavorativa consolidata.

Le migliori città in Australia

Secondo delle ricerca di prestigiosi giornali come l’Economist, molte città con la migliore qualità della vita al mondo sono australiane.
Sydney, Melbourne, Brisbane, Perth offrono una qualità della vita eccellente e uno stile di vita adatto a giovani che vogliono emigrare all’estero: questo accade principalmente perché queste città sono molto ricche ma anche perché esse rappresentano  mete ideali per le vacanze e il turismo. In queste città è infatti possibile trovare di tutto, dal divertimento al lavoro: l’importante è solo sapersi rimboccare le maniche.