facebooktwitteryoutube
in Soldi - 14 Nov, 2016
by Frangenti Culturali - no comments
Carte di Credito – Cosa Sono e Come Funzionano

La carta di credito è uno strumento di pagamento dotato di banda magnetica e/o microchip (prossimamente, con le carte contactless, anche con un chip RFID) che consente di effettuare acquisti presso i punti di vendita convenzionati e di prelevare contante presso gli sportelli automatici.

La dizione “carte di credito” è comunemente utilizzata per identificare prodotti anche molto diversi tra loro: carte di credito a saldo, carte di credito revolving, carte prepagate o fidelity card (carte privative).

In alcuni casi le carte di credito possono essere “sponsorizzate” (cosiddette carte co-branding): in questi casi sulla carte è presente il logo di aziende fornitrici di prodotti/servizi. Questa tipologia di carta è particolarmente vantaggiosa nel caso in cui si fosse particolarmente interessati ai prodotti e servizi offerti dall’azienda partner, che ai titolari della carta offre particolari privilegi, come sconti, raccolte a punti, promozioni. Un esempio sono le carte di credito rilasciate in partnership con compagnie aree che rilasciano punti miglia per ogni acquisto effettuato con la carta.

Come richiedere la carta di credito

La carta di credito è rilasciata da strutture autorizzate: è possibile richiedere una carta di pagamento se maggiorenni, residenti in Italia ed intestatari, o cointestatari, di un conto corrente bancario o postale ad uno degli istituti emittenti.
La richiesta deve essere effettuata:

presso una delle filiali autorizzate alla distribuzione della carta di credito;
online, attraverso il sito dell’istituto emittente.
Le strutture sono a loro volta associate ad un circuito di pagamento: il circuito di pagamento non è altro che la compagnia che si occupa di propagare, attraverso una propria rete organizzativa, le richieste di spesa e le rispettive autorizzazioni, dall’esercente verso l’istituto emittente e viceversa.

Il circuito si occupa anche di verificare le operazioni contabili di saldo di ogni singola carta e degli esercenti convenzionati, inviando dati aggiornati ai loro rispettivi clienti: titolari e venditori.

I principali circuiti mondiali sono: Visa, Mastercard, Diners, American Express. Sul mercato italiano, Mastercard e Visa sono i due circuiti sicuramente più utilizzati ed accettati presso gli esercenti.

Sul mercato esistono anche carte attivabili anche in assenza di un conto corrente d’appoggio: in questi casi i pagamenti vengono gestiti attraverso bollettini postali inviati al titolare della carta oppure mediante pagamento anticipato come nel caso delle carte di credito prepagate.

Carta di credito a saldo o carta di credito revolving

La Carta di credito a saldo è uno strumento di pagamento che permette di affrontare in sicurezza tutte le spese, entro i limiti di fido concessi dall’emittente, e rimborsarle in un’unica soluzione il mese successivo a quello dell’acquisto, senza pagare alcun interesse.

La Carta di credito di tipo Revolving è uno strumento di pagamento che prevede esclusivamente la modalità di rimborso rateale. Permette al Titolare di affrontare in sicurezza tutte le spese, anche quelle impreviste, e rimborsarle in piccole e comode rate mensili; ogni mese, in genere, è possibile modificare l’importo della rata, adattandosi alla disponibilità economica del momento.

Esistono sul mercato anche carte di credito di tipo misto che permettono al titolare della carta di poter variare ogni mese il modo in cui rimborsare gli acquisti, in base alla variabilità delle proprie esigenze.

I prodotti di questo tipo consentono sia la modalità di rimborso rateale che quella a saldo: ogni mese è possibile, infatti, scegliere di passare da una all’altra e, in caso si scelga per il rimborso rateale, è inoltre possibile modificare l’importo della rata ogni mese.

Come funzionano le Carte di credito a Saldo

Con la modalità di rimborso a saldo i movimenti effettuati tramite il circuito internazionale di appartenenza (ad esempio MasterCard, Visa, American Express, etc.) vengono rimborsati interamente il mese successivo a quello nel quale sono stati effettuati.

Quando i pagamenti richiesti in estratto conto sono regolari, il credito disponibile per nuovi acquisti è pari all’intero fido accordato non vengono applicati interessi. Il pagamento dell’importo richiesto in estratto conto avviene con la data di valuta prevista nel Condizioni generali di contratto della Carta.

Come funzionano le Carte di credito Revolving

Il rimborso degli acquisti avviene un po’ per volta, attraverso il pagamento della rata che ogni mese il titolare può scegliere o modificare in base alle proprie esigenze del momento.
Il credito disponibile all’inizio del mese è pari a quanto era disponibile alla fine del mese precedente più la rata che è stata rimborsata.

Il tasso d’interesse applicato (TAN e TAEG) è riportato nel Condizioni generali di contratto della Carta.
il pagamento della rata in estratto conto avviene con la data di valuta prevista nelle Condizioni generali di contratto della Carta.

In entrambi i casi il Titolare ha a disposizione due opzioni

RATA MINIMA, scegliendo quest’opzione, l’importo da rimborsare in estratto conto è sempre il minimo possibile. Tale importo minimo varia in funzione dell’ammontare del debito, secondo degli scaglioni riportati nelle Condizioni generali di contratto della carta stessa.
RATA FISSA, scegliendo quest’opzione, la rata da rimborsare corrisponde all’importo fisso scelto dal cliente. Solo nei mesi in cui l’importo scelto dal Cliente è inferiore alla Rata Minima, viene applicata quest’ultima.
E’ comunque da tenere sempre ben presente che la carta revolving è una sorta di finanziamento aperto: come tale va utilizzato con cautela, valutando sempre la propria disponibilità economica reale e, soprattutto, i costi correlati all’utilizzo del credito concesso.

Come prelevare denaro contante con la Carta di Credito

L’anticipo di denaro contante (denominato anche Anticipo ATM) si effettua sia presso gli sportelli automatici (per esempio gli sportelli Bancomat) sia presso un qualunque sportello bancario che espone il marchio del circuito internazionale della propria carta di credito (come ad esempio Mastercard o Visa).

In caso di anticipo dagli sportelli automatici è necessario digitare il codice PIN di 5 cifre che viene inviato al Titolare dopo l’attivazione della carta. Per l’anticipo presso una filiale bancaria, invece, è sufficiente presentare la carta all’operatore e firmare la ricevuta.

Per l’anticipo di contante viene generalmente applicata una commissione, variabile a seconda del contratto sottoscritto con l’emittente.

Come funziona la Carta Prepagata

La carta di credito prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato verso chi emette la carta. Può essere rilasciata dai principali circuiti (ad es. Visa o Mastercard), direttamente da banche, poste, oppure direttamente da fornitori di beni e servizi (ad esempio la carta di credito prepagata Paypal).

Non richiede un conto corrente bancario ed è destinata a tutti: in alcuni casi può essere associata ad un codice IBAN, in modo da poter ricevere bonifici ed essere facilmente ricaricata anche da terzi ed addirittura (come nel caso della carta virtuale Genius Card Unicredit) essere solo una carta “virtuale”, cioè associata ad un numero identificativo, ma non viene prodotta fisicamente.

Le carte di credito prepagate, per le loro caratteristiche, sono molto utili in tutte quelle occasioni ci si voglia proteggere da frodi, abusi o si necessiti di un controllo sulle spese effettuate dall’utilizzatore: per questo motivo questa carta può essere molto adatta per le aziende (da fornire ad esempio ai propri dipendenti), per gli acquisti via internet o da dare ai propri figli.

Come funziona la Fidelity Card

La Fidelity Card, detta anche carta privativa, è una carta emessa, con finalità di fidelizzazione, da grandi catene distributive o centri commerciali, recante il marchio del punto di vendita e spendibile esclusivamente all’interno di questo circuito.
La fidelity card, rilasciata in accordo con un istituto finanziario, è utilizzabile solo in circuiti di negozi od esercizi prestabiliti. Inoltre, essa consente, alla catena che la rilascia, la raccolta di dati relativi alla clientela, alla quale potranno offrire, in questo modo, prezzi e prodotti sempre più mirati.
Può essere una carta ricaricabile.